giovedì 20 aprile 2017

Il tramonto di Messi

Lontano dalla porta avversaria, impreciso al tiro, incapace del secondo dribbling, Messi ieri sera, all'esito di Barca-Juve, è apparso la copia sbiadita del campionissimo che ha giganteggiato per un decennio sui campi di tutto il mondo. Di colpo, è apparso invecchiato, stanco, laterale. Non più decisivo. Niente a che vedere con lo storico rivale Cristiano Ronaldo, che assomma record a record, sebbene abbia due anni più di lui. E' la stagione del crepuscolo per Messi. Il che non esclude la possibilità di altri, isolati, bagliori. Ma, sul suo regno, il sole sta tramontando.

9 commenti:

  1. Contavo sul Bayern, ma ora non vedo più ostacoli per la champions dei gobbi. L'unica squadra a potersi opporre al triplete penso sia la Lazio.

    RispondiElimina
  2. Il Barcellona, va detto, sconta un certo logorio psicologico, dopo un ciclo lunghissimo di vittorie nazionali ed internazionali. Messi ieri è apparso sfasato, fuori dal gioco, si è intestardito in sterili personalismi, cosi favorendo il pur eccellente gioco difensivo della Juve. Anche i suoi compagni di reparto sono stati poco brillanti. L'impressione è che questo Barcellona abbia immediato bisogno di un ricambio generazionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giro palla troppo lento e pochissima convinzione nelle conclusioni. Iniesta, ormai, cammina, di Messi si è detto. Una stagione, lunga, è finita.

      Elimina
  3. Il bello è che il Barça è pronto a fargli il rinnovo fino al 2022 a prezzi folli e gli permette pure di decidere il mercato, rischiano di fare la fine dell'Argentina dove de facto lui è il CT, decide le convocazioni, fa la formazione e poi fa schifo la squadra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Messi non è un leader, sebbene ne abbia l'ambizione. E spero che non siano fondate le voci, che pure circolano, di un suo possibile approdo all'Inter.

      Elimina
    2. Se cambia aria penso possa andare solo al PSG dallo sceicco, sempre se è disposto a versargli i 50 milioni l'anno che chiede il padre, o al city da Guardiola che è l'allenatore che l'ha fatto rendere meglio e con cui penso abbia il rapporto migliore.

      Comunque non credo si muova, leggevo stasera sulla stampa catalana vicina all'ambiente che la società oltre a versargli i 50 milioni l'anno fino al 2022 è pronta ad accontentare tutte le sue richieste di mercato sia in entrata che in uscita e pure nell'organico societario da cui vorrebbe far fuori alcuni dirigenti a lui sgraditi, pare che abbia già consegnato la lista con i nominativi e ieri è arrivato pure il padre a Barcellona segno che la fumata bianca è vicina.

      Elimina
    3. Credo pure io che, alla fine, Messi resterà a Barcellona. Anche perché penso che, con il suo temperamento cupo ed umbratile, faticherebbe moltissimo ad ambientarsi altrove.

      Elimina
  4. Io scrivo di tramonto di Messi e questo segna una tripletta nel Clasico! Quando si dice il tempismo. Epperò il Real Madrid che, raggiunto il pareggio 10 contro 11, prende gol in contropiede sa di inutile supponenza. Zidane ha le sue colpe.

    RispondiElimina